Appendice 4: compatibilità  hardware in Linux



La compatibilità  di Linux con le periferiche e i componenti era un grosso punto debole, che però oggi è migliorato notevolmente.
Le distribuzioni più affermate, come Suse, Mandrake, Ubuntu e Red Hat (Fedora9), riconoscono automaticamente quasi tutti i componenti interni del Pc da tavolo e in molti casi non è richiesto nessun intervento manuale per installare drivers aggiuntivi o modificare la configurazione del setup del Bios.

Un punto critico è la compatibilità  con le schede wireless, interne o Usb, che sono supportate con driver nativi solo in pochi casi. In generale la compatibiltà  con i componenti e le periferiche dei Pc portatili resta un problema spinoso, perchè molti costruttori programmano il Bios del PC con firmware personalizzati che Linux non riesce a riconoscere, oppure apportano varianti costruttive al progetto di riferimento proposta dai produttori del chip di interfaccia.
Un problema particolarmente serio è il supporto agli schermi in formato panoramico, che hanno risoluzioni non standard. Le distribuzioni destinate all'uso aziendale, come quelle di Suse e Red Hat, risolvono in parte il problema grazie a configurazioni dei driver della scheda grafica che supportano il ristretto numero di risoluzioni panoramiche dei pannelli installati nei notbook più venduti alle aziende, mentre in quelle per uso domestico la disponibilità  del supporto resta un'incognita. In questo caso la distribuzione Knoppix (*) può essere d'aiuto, perchè contiene drivers per moltissime configurazioni hardware. Se si avvia regolarmente, probabilmente non ci saranno problemi al momento di installare una distribuzione Linux nell'hard disk: significa che ci sono i drivers necessari.

Notizie precise sui laptop in Linux possono essere trovate a questi due link:
tuxmobil.org - laptop
tuxmobil.org - HowTo Linux laptop

Accelerazione grafica.
Nvidia supporta ufficialmente Linux, con drivers che rilascia periodicamente sul proprio sito web e che devono essere installati separatamente perchè, per motivi di licenza, le distribuzioni Linux di solito includono solo driver Nvidia di base, che non sfruttano l'acceleratore grafico. I driver Nvidia per l'accelerazione grafica 3D supportano anche i processori a 64 bit.

Anche il produttore di chip grafici Ati supporta Linux, ma con una certa pigrizia.
I driver che usano l'acceleratore 3D per le ultime versioni delle sue schede sono rilasciati con ritardo, e il supporto per le Cpu a 64 bit è ancora in fase di sviluppo.

Stampanti.
Sono ben supportate solo le stampanti di larga diffusione e quelle che accettano comandi formulati in un linguaggio di descrizione della pagina di alto livello come PcL oppure Postscript.
Molte stampanti che usano la tecnologia GDI oppure Windows Printing Host non hanno drivers per Linux.
Anche un buon numero di modelli multifunzione perde le caratteristiche evolute che sono attivate dal software in dotazione (disponibile solo per Windows), tornando a unzionare come una semplice stampante di base, senza funzioni scanner o fax.

(da PCMagazine - ottobre 2005)

(*) Knoppix è una distribuzione 'live'. Parte cioè al boot del Pc dal DVD senza bisogno di essere installata sul Pc stesso. E' ovviamente più lenta di una distribuzione installata, ma permette di avere un'idea di Linux e di controllare se l'hardware è sopportato (almeno dai driver contenuti in Knoppix).



Indice

Valid HTML 4.01 Transitional