Linux: come si installa ?


L'installazione di Linux è diventata molto semplice ed è molto simile per tutte le distribuzioni principali.
Qui arliamo di Suse e non è mia intenzione aggiornare il capitolo ad ogni nuova versione. Il motivo è semplice: i passi da seguire sono sempre gli stessi e sono ben documentati nel corso dell'installazione stessa. Quanto segue serve solo per dare un'idea che l'impresa può essere affrontata da chiunque.

L'installazione di Suse è molto semplice. Si fa il boot del sistema dal primo CD (o dal DVD) e si seguono le istruzioni.
(se vuoi puoi vedere l'installazione, passo passo, di Suse.) Viene chiesta la lingua, si accetta la licenza d'uso (GPL) e si lascia riconoscere il mouse.
A questo punto viene chiesto dove installare Linux. Vi sono diverse possibilità:  utilizzare un intero disco fisso, utilizzare la porzione di disco lasciata libera da Windows o usare partizioni personalizzate. Le prime due possibilità  sono ovviamente le più semplici. Nel caso si voglia usare la parte lasciata libera da Windows, ricordarsi di deframmentare il disco, da Windows stesso prima di ridimensionare la sua partizione e prima dell'installazione di Linux.
In entrambi i casi si può lasciare al programma di installazione il compito di creare le partizioni di cui ha bisogno (sull'intero disco o sulla parte libera dello stesso a seconda di cosa si è scelto) in maniera automatica. La cosa è certamente consigliabile a chi non ha dimestichezza con Linux. Comunque le partizioni che servono sono: una di swap (files di scambio) di dimensione non superiore al giga e per lo meno una per il sistema operativo; meglio se quest'ultima viene divisa in due: una cosiddetta 'root' (/) ed una denominata 'home'.
(il motivo è semplice: in caso di reinstallazione del sistema basterà  formattare la partizione 'root', preservando invece i dati presenti nella partizione 'home').
Nel corso dell'installazione verrà  richiesto cosa si desidera installare. La prima volta è forse consigliabile scegliere l'installazione standard, ma se si hanno particolari esigenze, o si vuole una panoramica di quello che è possibile installare, si può scegliere l'instalazione personalizzata. A fianco di ogni singolo programma apparirà  una breve descrizione dello stesso. Se lo si vuole installare basta contrassegnarlo.
Ti consiglio di installare KDE completo e KOffice completo. Avrai così oltre ad un'interfaccia simile a Windows, anche una suite completa di programmi che vanno dai giochi agli strumenti di scrittura, dalla grafica all'astronomia, tutti gli strumenti necessari per Internet, ecc..
E' comunque sempre possibile installare quello che ci siamo dimenticati anche in seguito, ad installazione avvenuta.

Alla fine dell'installazione comparirà  una finestra riassuntiva. Prima di chiuderla ed andare oltre è bene accertarsi che sia stato riconosciuto correttamente il nostro hardware. Per farlo basta cliccare sulla voce corrispondente e vedere cosa appare. In particolare è bene controllare la scheda grafica ed il Monitor per evitare che al riavvio Linux si presenti con interfaccia testuale non riuscendo ad avviare l'interfaccia grafica.
Sempre durante l'installazione è possibile configurare l'accesso ad Internet. Se non lo si è fatto, lo si può fare nella finestra di riepilogo (lo si può fare naturalmente anche dopo, ad installazione avvenuta).

Finita l'installazione è buona norma collegarsi ad Internet ed effettuare un primo aggiornamento del sistema. Suse offre questa possibilità  durante l'installazione ed in seguito durante il normale uso del computer.
Per questo, Suse pone sulla barra in basso a destra un'icona che risulterà  verde se non vi sono aggiornamenti, rossa se vi sono aggiornamenti in linea. Cliccando con il tasto destro del mouse sull'icona si sceglie l'operazione da eseguire. (Gli aggiornamenti di cui si parla qui sono aggiornamenti di sicurezza). Ovviamente bisogna essere collegati ad Internet.



Indice Perchè la differenza tra Root e User? Come si installano i pacchetti?

Valid HTML 4.01 Transitional